Sono iniziate le prove per il rinnovo delle amministrative nel comune di Fano, ma a nessuno è venuto in mente che esiste anche una comunità divisa con molti problemi da risolvere. A Marotta non si incontra nulla, né le cose impegnative né quelle semplici. Non si incontrano nemmeno i Vigili Urbani. Siamo contenti della personale amicizia fra il sindaco di Fano Stefano Aguzzi e quello di Mondolfo Pietro Cavallo, dimostrata più volte pubblicamente con parole di buon senso e di comunione, ma, ciò non è sufficiente per rallentare lo scollamento sociale e amministrativo di una realtà che conta ormai più di 12.000 abitanti. Un ospite che conosce le nostre assurdità, perché da molti anni trascorre le vacanze estive a Marotta, ci ripete sempre – ma per chi votate? E’ vero, visto come stanno le cose non sappiamo votare, non sappiamo scegliere, pigri e confusi. Questo perché non sappiamo di chi fidarci. Non è più tempo di critiche, di consigli o proposte, è ormai ora di agire. Attendiamo dalla politica un impegno chiaro e fattibile. Se nei loro programmi amministrativi non troviamo soluzioni concrete per Marotta, è necessario un disimpegno totale, disertare le urne, prima a Fano e poi a Mondolfo perché anche votare per il meno peggio per noi marottesi non cambia nulla.